Crea sito
Realizzato da: Pizzurro
1


Pizzurro Gabrielesu Google+
QRCode

MondoMisteri

 

Archivio

  • Archivio Storico
  • Ricerca Articolo
  • Categorie

    Apparizioni
    Archeomisteri
    Civilta
    Illuminati
    Manuale_PHP5
    Notizie
    Paranormale
    Profezie
    Scienza
    SpazioTempo
    SuperEnalotto
    Ufo
    blog
    inspiegabile
    medjugorie
    mostri
    mondomisteri

    Cerca Articolo



     
    01

    May

    2013


    Benzina Pulita a base di CO2

    benzinapulita.jpg

    In un futuro per ora ancora piuttosto lontano, la CO2 potrebbe non essere più un pericoloso inquinante, bensì una preziosa fonte di combustibile pulito. Ad affermarlo è Michael Adams, membro dell'UGA's Bioenergy Systems Research e docente di biotecnologie presso il Franklin College of Arts and Science.

    Batteri mangia CO2. Adams e i suoi colleghi sono riusciti a “creare” un microrganismo capace di imitare quello che le piante fanno da milioni di anni: trasformare la CO2 in qualcosa di utile. I vegetali infatti, grazie alla fotosintesi, utilizzano l'energia del sole per trasformare l'anidride carbonica in zuccheri: questi possono essere fatti fermentare e utilizzati per produrre etanolo e altri combustibili puliti. Il processo di estrazione degli zuccheri dalle piante è però complesso e piuttosto costoso e, di fatto, economicamente poco conveniente.
    Il batterio di Adams è una versione modificata del Pyrococcus furiosus, un microrganismo che vive nei pressi delle sorgenti idrotermali nelle profondità oceaniche. I ricercatori lo hanno manipolato per renderlo capace di mangiare e digerire CO2 a temperature più basse e hanno indotto al suo interno una reazione chimica innescata da idrogeno allo stato gassoso.
    Il risultato di questo processo è un insieme di prodotti chimici utilzzabili a livello industriale, ma anche un combustibile alcoolico del tutto simile all'etanolo. Quando viene bruciato, questo carburante rilascia una quantità di CO2 uguale a quella utilizzata per produrlo, e quindi dal punto di vista delle emissioni è sostanzialmente neutro. Ed è anche molto più pulito rispetto a benzina, gasolio o carbone. Lo studio è stato pubblicato il 25 marzo scorso sull'edizione online di Proceedings of the National Academies of Sciences.
    "Si tratta di un importante primo passo verso la messa a punto di un metodo economicamente sostenibile per ottenere combustibile pulito. Ora il processo va migliorato e dovremo iniziare a prepararci per test su larga scala” ha dichiarato Adams ai media.

    Non solo benzina. L'idea di riciclare la CO2 per produrre combustibile non è del tutto nuova: all'areoporto di Liverpool, già da qualche anno sono attivi dei bioreattori, dove alghe alimentate a CO2 vengono trasformate in combustibile green per i mezzi di servizio.
    Ma con la CO2 non ci si fa solo l'ecobenzina: al Politecnico di Milano per esempio, stanno lavorando ad un progetto che permetta di recuperare l'anidride carbonica dall'atmosfera per trasformarla in etilene, propilene e buteni, mattoni fondamentali nella produzione di polimeri, plastiche, gomme sintetiche, cosmetici e detergenti.



    Se ti piace l'articolo condividi



    Pagine che potrebbero interessarti


    Pubblica il tuo commento

    Mail (facoltativa)

    mail
    Nome*

     
    Commento*
         
    Testo di verifica*
    captcha codice
           
       

    Area riservata all'Amministratore






     







    Seguimi su Libero Mobile