Crea sito
Realizzato da: Pizzurro
1


Pizzurro Gabrielesu Google+
QRCode

MondoMisteri

 

Archivio

  • Archivio Storico
  • Ricerca Articolo
  • Categorie

    Apparizioni
    Archeomisteri
    Civilta
    Illuminati
    Manuale_PHP5
    Notizie
    Paranormale
    Profezie
    Scienza
    SpazioTempo
    SuperEnalotto
    Ufo
    blog
    inspiegabile
    medjugorie
    mostri
    mondomisteri

    Cerca Articolo



     
    14

    Dec

    2009


    Ardi L'antenato di Lucy

    ardi.jpgViveva in Etiopia circa 4,4 milioni di anni fa Ardipithecus ramidus, una specie di ominide i cui resti fossili sono ora descritti in dettaglio in una serie di articoli apparsi sull’ultimo numero della rivista "Science".

    I campioni analizzati sono ben 110, tra cui uno scheletro parziale che conserva la maggior parte del cranio, delle mani, dei piedi, degli arti e del bacino. Questo individuo, era di sesso femminile, pesava all’incirca 50 chilogrammi ed era alto circa 120 centimetri ed è stato soprannominato "Ardi".

    Ardi è così un milione di anni più vecchio della famosa “Lucy”, l’esemplare, anch’esso femminile, di Australopithecus afarensis scoperto nel 1974 e che appare già adatto, dal punto di vista anatomico, all’andatura bipede.

    Grazie all’analisi del cranio, dei denti, del bacino, delle mani, dei piedi e di altre ossa, i ricercatori hanno stabilito che Ardipithecus aveva una mescolanza di tratti primitivi, condivisi con i suoi predecessori, i primati del Miocene, e tratti “derivati”, condivisi esclusivamente con gli ominidi successivi.

    Proprio l’antichità dell’Ardipiteco consente così di avvicinarsi sempre di più alle caratteristiche dell’ultimo antenato comune di uomini e scimpanzé, vissuto, secondo le stime, più di sei milioni di anni fa.

    Una conclusione sorprendente dell’analisi è che molti dei tratti di Ardi non si ritrovano nelle grandi scimmie africane moderne. Queste appaiono così come il risultato di un’intensa evoluzione a partire da quell’ultimo antenato comune, di cui pertanto non possono rappresentare un modello soddisfacente che possa fungere anche da punto di riferimento per comprendere l’evoluzione dell’essere umano.

    "Nell’Ardipithecus si osserva un’anatomia non ancora specializzata e non ancora evoluta verso le caratteristiche dell’Australopithecus. Perciò, osservato ciò che resta dello scheletro dal cranio ai piedi, si ha l’impressione di avere di fronte una creatura mosaico, che non è né uno scimpanzé né un essere umano: è un Ardipithecus", ha commentato Tim White, ricercatore dell’Università della California a Berkeley, e coautore dello studio.

    "Questi articoli contengono un’enorme quantità di dati, raccolti e analizzati grazie a un gruppo internazionale di ricerca. Essi aprono una finestra su un periodo dell’evoluzione umana di cui sappiamo poco, quando i primi ominidi si stavano stabilendo in Africa, poco dopo la divergenza dall’ultimo antenato comune che essi hanno condiviso con le scimmie africane”, ha aggiunto Brooks Hanson, deputy editor della rivista "Science".



    Se ti piace l'articolo condividi



    Pagine che potrebbero interessarti


    Pubblica il tuo commento

    Mail (facoltativa)

    mail
    Nome*

     
    Commento*
         
    Testo di verifica*
    captcha codice
           
       

    Area riservata all'Amministratore






     







    Seguimi su Libero Mobile