Crea sito
Realizzato da: Pizzurro
1


Pizzurro Gabrielesu Google+
QRCode

MondoMisteri

 

Archivio

  • Archivio Storico
  • Ricerca Articolo
  • Categorie

    Apparizioni
    Archeomisteri
    Civilta
    Illuminati
    Manuale_PHP5
    Notizie
    Paranormale
    Profezie
    Scienza
    SpazioTempo
    SuperEnalotto
    Ufo
    blog
    inspiegabile
    medjugorie
    mostri
    mondomisteri

    Cerca Articolo



     
    08

    Nov

    2008


    Le Linee di Nazca

    Nazca.jpgPRIMA ANCORA DEGLI INCAS, GLI ABITANTI DELLA REGIONE DI NAZCA, A SUD DEL PERU', TRACCIAVANO STRANE LINEE SUL SUOLO DELLA PAMPA: QUESTI DISEGNI SONO LA TESTIMONIANZA DI CONOSCENZE GEOMETRICHE ED ASTRONOMICHE TANTO PIU' INSPIEGABILI IN QUANTO LE FIGURE SONO VISIBILI SOLO DAL CIELO.

    Gli indigeni chiamano Nazca "il deserto che parla", ed è vero.
    Ma parla con voce di roccia, parla con linee e disegni di una perfezione rarissima, osservabili solo dal cielo in quella desolata regione.

    Nessuno, nelle altre parti del globo, ne avrebbe mai sentito parlare, se non fossero venute, in tempi vicino ai nostri, le divulgazioni di scoperte sensazionali, di "atlanti" incisi in proporzioni gigantesche, comprendenti stranissime linee a non finire, raffigurazioni di animali e di soggetti tuttora non identificati.
    Riproduzione dei disegni più conosciuti di Nazca Nel 1973 non troviamo ancora in un solo manuale di archeologia il minimo accenno a queste meraviglie che si stendono sul territorio tra l' Oceano Pacifico e la Cordigliera delle Ande.

    Eppure gli aviatori delle linee interne conoscevano benissimo da tempo gli strani tratti, ma la loro professione faceva ovviamente sì che li sorvolassero senza attribuivi particolare importanza. Da terra, d' altra parte, non si potevano scorgere che delle linee senza apparente significato: ed è ovvio, poichè i disegni, nella loro completezza, non sono visibili che da centinaia di metri d' altezza.

    Poi venne il giorno in cui qualcuno vi attirò l'attenzione ed i rappresentanti più intraprendenti dello studio del passato si mossero. Primo fu, nel 1939, il professor Paul Kosok,dell 'Università di Long Island (USA), assieme al suo assistente John Arward, a studiare sistematicamente le tracce.
    Poi, verso il 1949 fu l 'archeologa Maria Reiche, dell' Universaità di Amburgo, ad occuparsene, pubblicando anche un libricino illustrato, finchè il servizio fotografico del Ministero dell' Aria peruviano decise di effettuare rilievi precisi dei disegni.
    Suggestive illustrazioni furono presentate in seguito, e fra queste va ricordata la ricchissima documentazione raccolta dagli italiani Adriano e Damiano Zecca.

    Esistono linee particolarmente lunghe e piste di larghezza differente, da tre a cento metri ed oltre.
    Tutto è impeccabile, tirato a filo, perfettamente triangolare o rettangolare e anche se si distingue qualche raro arrotondamento, esso è tracciato con straordinaria maestria, da cui emerge come il disordine non sia che apparente.
    Ci è incomprensibile, certo, ma per cervelli diversamente condizionati dai nostri deve avere una spiegazione,una logica.

    I tracciati di Nazca sono opera di un popolo notevolmente civile, provvisto di uno spirito geometrico eccezionale, un popolo molto antico, anteriore a quello degli Incas, probabilmente della stessa razza dei costruttori della Porta del Sole in Bolivia e degli osservatori astronomici dell' America precolombiana".
    Alcune immagini delle linee di Nazca Lasciate le piste, eccoci ai "grabados", gli strabilianti disegni del deserto di Nazca. Ne sono stati contati sino ad oggi 788, con oltre 100 spirali.
    Le figure che, in particolare, vengono mostrate dall' aereo ai turisti sono quelle del ragno, la cui struttura fa pensare ad un aracnide preistorico, della scimmia lunga un centinaio di metri, con un' enorme coda arrotolata a spirale, di un condor ad ali spiegate (180 metri) e di un uccello in cui alcuni vedono la gigantografia di un colibrì: il suo becco misura 100 metri.
    Ma accanto a queste rappresentazioni, indubbiamente affascinanti, esiste una quantità di altri bellissimi e talvolta stranissimi disegni: cani, gatti, lama, uccelli, pesci, sauri, serpenti con più teste, animali sconosciuti, oggetti ignoti dalle forme indescrivibili.
    Di certo si sa ben poco sulla data in cui i disegni possono essere stati tracciati: un test al carbonio14 ha dato un' età di circa 1500 anni.

    La cosa più sorprendente è che le figure suggeriscono l' anello possibile tra una specie e l' altra. Tutti i disegni sono stati eseguiti partendo dalla linea del solstizio, con il Sole come il centro del tratto che va dalle Ande al mare, dal quale emergono tutte le specie conosciute sulla terra.
    E tutte le specie appaiono unite da un cordone ombelicale che rappresenta l' energia solare.
    L' autore delle linee, nel suo semplice stile personale, ritiene che la volta celeste sia stata la casa degli dei.
    Là viveva il Sole, il dio onnipotente che stabiliva i cicli della vita e della morte, con la Luna, causa di stupore e di paura con le sue fasi e le sue eclissi, le stelle, le costellazioni piacevoli da ammirare, capaci di consigliare quando necessario.
    E là vivevano anche le comete, con le loro code splendenti, le nuvole che offrivano la pioggia, i venti, i tuoni ed i fulmini. Tutti gli dei vivevano lassù ed era proprio lassù il luogo a cui si levavano le preghiere, le offerte ed i sacrifici.

    Le figure avevano proporzioni gigantesche per essere visti dalle divinità celesti: il fatto che la gente, qui sulla Terra, non potesse vederle, non importava".

    Non mancano, poi, le ipotesi "spaziali", secondo le quali le linee, le piste ed i disegni di Nazca sarebbero stati segnali di un vero e proprio cosmodromo extraterrestre.
    Questo filone è stato sfruttato da scrittori "di frontiera" che hanno imbastito tante e tali storie sui turisti cosmici da far rizzare i capelli a tutte le persone di buon senso.

    Non dobbiamo tuttavia neppure dimenticare che gli enigmi cui ci troviamo dinnanzi sono spesso inquietanti e sembrano aprire la strada a deduzioni fantastiche.
    Tutto sta a vedere fino a qual punto sono davvero puramente fantastiche, senza lasciarci suggestionare ne dai dogmi dei conservatori ad oltranza, ne dai vaneggiamenti dei cultori di ET.
    Le nostre sonde vagabondano nel sistema solare ed oltre.

    Se ti piace l'articolo condividi



    Pagine che potrebbero interessarti



    Fatal error: Call to undefined function session_is_registered() in /membri/mondomisteri/Menudati/Commenti/scrivi.php on line 101