utenti connessi
Jason Andrews -
Crea sito
Home » Ufo » Jason Andrews

Jason Andrews

Intervista a Jason Andrews

JasonAdrews Per dare ai lettori un’idea più precisa dei fatti che riguardano Jason  può essere utile riportare la trascrizione di un’intervista che egli concesse un  po’ di tempo fa alla televisione Discovery Channel.
“Intervistatore: “E’ ormai ben documentato il fatto che tu possieda capacità a  dir poco inusuali! Affermi di aver dovuto sopportare rapimenti alieni per tutta  la vita, ma ora sei giunto ad una fase in cui li accogli come benvenuti e  desideri imparare sempre più cose da loro. Giungi addirittura ad affermare che  “essi” hanno risvegliato in te la consapevolezza di essere tu stesso di origini  aliene. Visto che ti hanno insegnato tante cose puoi spiegarci, per esempio,  come fai a viaggiare e a proiettarti in astrale?
Jason: ” Non è la stessa cosa, si tratta di due abilità differenti. Per  proiettarmi in astrale in un altro posto devo semplicemente concentrarmi e  desiderare fortemente di vedere quel luogo, tutto quel luogo; voglio trovarmi lì  nella stessa realtà in cui esisto qui per diventare capace di vedere e di essere  visto. Una parte di me, il me stesso, la mia energia va in quel posto e invia  immagini al mio cervello. Mentre sono lì posso anche comunicare con le persone e  il mio cervello può immagazzinare tutte queste informazioni come se stesse lì  fisicamente. Ovviamente, visto che gran parte delle mie energie fisiche è ancora  qui a supportare il mio corpo, è probabile che in quell’altro posto io sia visto  come un’apparizione, un fantasma o qualcosa di simile; nel frattempo io sono  anche in grado di camminare e di fare conversazione in quest’altra realtà: è un  po’ come guardare la televisione mentre, nel frattempo, stai facendo un sacco di  altre cose. Viaggiare in astrale, invece, è molto più facile e la maggior parte della gente  può farlo, che ne sia cosciente o no. Succede quando si esce fuori dal corpo ed  è uno stato in cui ci si può muovere agevolmente attraverso gli oggetti, i muri  e si può andare dovunque. Più ci si impadronisce della tecnica e più velocemente  si può viaggiare per raggiungere qualsiasi luogo, anche lo spazio, senza aver  più paura di soffocare o di annegare.
Intervistatore: Quando dici di “aver visitato” in Australia Isabelle de  Beaumont- una signora con cui non ti eri mai incontrato prima- una settimana  prima di partire realmente dall’Inghilterra, come hai fatto a proiettarti lì se  non ci eri mai stato prima? Non sapevi ancora dove fosse realmente la casa, come  fosse e come apparisse Isabelle, eppure hai descritto perfettamente tutto ciò e  la stessa Isabelle ha riferito con dovizia di particolari la conversazione che  avrebbe avuto con te. Come è possibile viaggiare in astrale verso una  destinazione sconosciuta?
Jason: La prima cosa che si deve imparare è che il tempo non esiste e che  bisogna uscire dalla diffusa convinzione che il tempo scorra in forma lineare.  In quel caso io riuscii a vedere nel futuro abbastanza da sapere dove mi sarei  trovato la settimana seguente. Vidi come sarei arrivato lì e come avrei  incontrato Isabelle, per questo fui in grado di riconoscere lei e la sua casa.  Non c’ero mai stato prima ma ero così eccitato all’idea di andare in Australia e  volevo vederla prima per controllare se fosse in grado di sostenere tutta questa  storia. Lei era in grado e lo fece alla grande ed è stato un piacere trascorrere  del tempo con una persona tanto illuminata.
Intervistatore: Stai dicendo che puoi vedere nel futuro? Puoi prevedere i  disastri che stanno per accadere. Per esempio, la tragedia in America  dell’attacco alle Torri Gemelle, hai potuto vederla in anticipo?
Jason: Certo che l’ho vista.
Intervistatore: E perchè non hai cercato di avvertire le autorità o di dirlo a  qualche giornalista?
Jason: Una delle cose più importanti che ho appreso da “Loro” è che non abbiamo  il diritto di interferire. Ogni persona ha il proprio destino: un tempo per  vivere e un tempo per morire. Ciò che accadde l’11 settembre 2001 è stato  orrendo ma era destino che accadesse, doveva accadere. So che questo sembra  crudele, ma i familiari delle vittime impareranno a reagire, troveranno nuovi  significati nella vita e, forse, troveranno nuovi affetti. Tutto ciò rientra  nello schema delle cose e ricordati che siete voi, la specie umana, che  orchestrate i vostri destini fino alla fine. A volte mi è capitato di “vedere”  incidenti che stavano per accadere a membri della mia famiglia o ad amici e sono  intervenuto per avvertirli ed impedire che quei fatti avvenissero. Ricordati: il  futuro non è mai scritto sulla pietra e, dato che il tempo non esiste, possiamo  modificare gli eventi; però il fatto di impedire ad un mio amico di trovarsi in  una macchina che avrà un incidente è una piccola cosa e non sarà certo in grado  di modificare profondamente il futuro, mentre per un grave disastro nazionale è  diverso. Mettiamolo in un’altra maniera: l’evento dell’11 settembre ha  determinato tutta una nuova serie di eventi-alleanze di nazioni, movimenti di  eserciti, giornalisti mobilitati etc.- che, per dirla come direbbe la Scienza,  ha determinato un enorme fenomeno di causa-effetto. L’intera umanità ha la  responsabilità di aver reso l’11 settembre possibile, già a partire  dall’invenzione dell’aereo e delle bombe. Ancora non vi rendete conto di quanto  sareste potenti senza tutta questa porcheria, perchè?
Intervistatore: Puoi spiegarti, per favore?
Jason: Devi capire che tutto, assolutamente tutto su questo pianeta – incluso il  pianeta stesso- è energia. Ci può essere insegnato come usare questa energia,  come manipolarla- ed è quello che faccio io- rispettandola. Osserva la grana del  legno di un tavolo al microscopio: vedrai un’infinità di minuscole molecole che  si stringono l’una all’altra per dare al tavolo la sua densità, per renderlo  abbastanza resistente da sostenere il peso delle cose, anch’esse costituite di  energia imbrigliata. Quando bruciamo il tavolo che accade? Il fumo si alza dal  fuoco: abbiamo trasformato un tipo di energia densa in un altro tipo di energia.  Questo fenomeno accade per tutte le cose: niente muore o cessa di esistere: si  limita a trasformarsi in un tipo di energia o vibrazione differente. La stessa  cosa accade agli uomini quando muoiono. Il corpo fisico cessa di essere, torna  alla terra o diviene fumo con la cremazione, mentre l’anima -ovvero l’energia-  continua ad esistere per assumere un’altra forma fisica o, per esempio, per  esplorare l’universo. Sebbene io non concordi in tutto con la teoria della  reincarnazione nel senso che riguarda le ‘vite precedenti’, sono certo che le  energie da noi percepite come ‘anime’ possano assumere qualunque forma  desiderino, in qualunque parte dell’universo e oltre.
Intervistatore: E allora come spieghi quei medium che dicono di ricevere  messaggi dai trapassati?
Jason: E’ semplice: queste persone, questi medium, sono già un gradino più su di  voi, nel senso che sono in grado di usare l’energia – voi lo chiamereste un  ‘dono’- che permette di ‘vedere’ con la vista interiore. Alcune energie si  lasciano dietro una traccia, una specie di ‘lettera’ e questi medium sono in  grado di leggere tali ‘lettere’. Tutte le forme di energia possiedono una  memoria, anche l’acqua, e questo è stato verificato dalla scienza. Immagina un  fiume che ogni anno viene imbrigliato per un certo periodo e che poi riprende il  suo corso nei canali quando le chiuse vengono aperte, se uno di tali canali non  viene chiuso il flusso dell’acqua tenderà ad ignorare la nuova via e cercherà di  ripercorrere quella usuale. In altre parole il fiume ‘ricorda’ il percorso  seguito per secoli e ‘vuole’ scorrervi dentro. Tutti voi sareste in grado di  usare questi poteri se riusciste a liberarvi delle vostre paure e dei vostri  dubbi. Gli esseri umani erano in grado di fare queste cose migliaia di anni fà:  tutti usavano la telepatia, la visione a distanza ed erano in grado di vedere in  anticipo gli avvenimenti futuri; ma ora queste facoltà sono perseguitate.  L’unico motivo per cui ora tu sei qui e mi stai intervistando è perchè, secondo  i vostri standards, io sono ‘strano’,’differente’ e ciò mi rende interessante  per il grosso pubblico.
Intervistatore: Jason, tu sei uno splendido giovane con grandi conoscenze, è  questo il tuo segreto? ‘Loro’ ti hanno dato una conoscenza tale da permetterti  di fare ciò che vuoi?
Jason: Prima di tutto lasciami dire che nessuno è onnisciente perchè ciò è  concesso solo alla ‘Fonte Primaria’, all’ ‘UNO’. Poi ti dico che sei in errore  perchè il segreto non è il possedere una ‘conoscenza’ – o la conoscenza assoluta  – ma è l’arte di usare la conoscenza che si possiede, averne la chiave. Impara  ad usare la tua conoscenza ed andrai lontano.
Intervistatore: Hai menzionato la ‘Fonte Primaria’, l’UNO’, presumo che tu ti  riferisca a Dio?
Jason: Suppongo di dì, se è così che volete chiamarlo.
Intervistatore: cosa hai capito di Lui?
Jason: ho capito che “eoni”  fa c’era il vuoto e che a un certo punto in tale vuoto apparve una specie di  energia. Crescendo, tale energia divenne sempre più potente e, col tempo, la  ‘Fonte’ si divise in altre energie simili a lei. Per essere esatti ci furono  dodici forme di energia, ed è qui che la vostra Bibbia fà confusione: quando gli  Scribi parlano di dodici Apostoli, delle dodici tribù di Israele etc., si  sarebbero dovuti riferire, invece, alle dodici ‘Entità’ prodotte dalla ‘Fonte’.  Queste nuove forme di energia si dispersero nel vuoto e crearono gradualmente  l’Universo acquistando, col passare delle decadi, sempre più conoscenza. Così,  tecnicamente, la vostra teoria del ‘Big Bang’ potrebbe considerarsi corretta se  riusciste a capire che tutto è energia e che tale energia reagisce contro se  stessa. Secondo ciò che ho compreso tali dodici energie divennero sempre più  intelligenti e sempre più indipendenti finchè, alla fine, tre di esse commisero  il crimine massimo: si rivoltarono contro la ‘Fonte’ interferendo con la  creazione che avevano contribuito a modellare. Come ho detto prima, noi possiamo  dare avvertimenti in anticipo, ma non possiamo mai interferire direttamente. In  conseguenza delle loro azioni le energie ribelli vennero scacciate dalla ‘Fonte’  (è quello che la vostra Bibbia chiama la ‘cacciata’ degli angeli ribelli). Ciò  non significa che tali energie fossero demoniache ma non possiamo ignorare il  ruolo che si erano assunte. Le nove energie rimaste vi hanno visitato diverse  volte durante la storia e voi le avete conosciute sotto forma di grandi uomini  come Gesù Cristo, il Buddha, Maometto etc., ma esse hanno visitato anche molti  altri posti nell’universo e sono sempre state acclamate ed adorate allo stesso  modo.
Intervistatore: Mi piacerebbe molto approfondire questi argomenti, Jason, ma non  abbiamo molto tempo a disposizione e così passo ad altri tipi di domande:  potresti parlarmi del tuo metodo di guarigione?
Jason: Bene, fondamentalmente accade quando dormo. Sento dove e quando andare in  un posto specifico – per esempio dove è accaduto un grave incidente – e mi reco  lì viaggiando in astrale. Di solito mi vengo a trovare nel posto prima che gli  eventi accadano ma aspetto e poi fornisco l’aiuto che posso dare. Alcune delle  vittime possono salvarsi e in quel caso mi applico per guarirle o per tenerle in  vita in ospedale finchè non iniziano a migliorare, ma per altri quello è il  momento della fine del loro tempo fisico e anche lì mi adopero per aiutarli a  raggiungere il loro prossimo stadio. Alcune di queste persone sono molto  confuse, come se non capissero di essere morte, altre sono invece arrabbiate  perchè pensano di avere ancora un sacco di cose da fare; in quest’ultimo caso io  e gli altri come me li assistiamo gentilmente per portarli ad accettare la  situazione. Prima hai parlato delle Torri Gemelle: io ero lì e ho cercato di  fare tutto il possibile per aiutarli e c’erano molti altri come me. Altre volte,  invece, quelli di voi che sanno come proiettarsi vengono da me, a casa mia, e mi  chiedono aiuto per malattie e cose simili che riguardano loro stessi o i propri  familiari ed io vado con loro e faccio quel che posso. Quando i miei genitori  permettono a dei visitatori di venire qui a casa io opero anche delle guarigioni  fisiche ed è sempre lo stesso procedimento: si tratta di smuovere e sbloccare le  energie all’interno del corpo delle persone. Non ci sono certezze, ma, se il  danno si è instaurato da poco tempo, spesso il mio aiuto riesce a migliorare le  cose. In questi casi cerco, poi, di insegnare alle persone come comportarsi in  seguito e per la maggior parte dei casi tutto va per il meglio.
Intervistatore: E’ affascinante: persone – persone normali – che si proiettano  in casa tua, e tu riesci a vederle facilmente?
Jason: Certo che le vedo, e a volte è molto divertente perchè alcuni di loro,  sebbene perfettamente visibili, appaiono completamente fuori posto… Ricordi  che ti ho detto che tutte le energie possono essere lette più o meno come una  lettera? Bene, spesso il governo, l’esercito o altra gente come loro mi mandano  certe persone (probabilmente con l’intento di spiarmi) ma io li riconosco  subito. Lo sai che durante la Guerra del Golfo tutti dicevano che Saddam era  pazzo perchè affermava di essere spiato psichicamente dagli Americani che si  servivano di spie in grado di proiettare i propri corpi spirituali? Quelle  persone non facevano altro che praticare la visione a distanza e proiettarsi su  quelle coordinate per riportare informazioni strategiche. Te l’ho detto, ci sono  molti di voi che possiedono queste facoltà.
Intervistatore: Passiamo molto rapidamente ad un altro argomento: tu affermi  anche di essere a conoscenza dell’esistenza di “Figli delle Stelle”. Per chi non  conosce quest’argomento, puoi spiegare chi o cosa sono questi bambini e perchè  si trovano qui in questo specifico momento?
Jason: I “Bambini delle Stelle” di solito nascono in famiglie dove uno dei  genitori è stato rapito dagli alieni, che ne sia consapevole o no. Questi  bambini sono incredibilmente intelligenti già da piccolissimi e percepiscono fin  dall’inizio, sebbene amino profondamente i propri genitori, di provenire da  qualche altra parte là fuori, tra le stelle. Questa sensazione spesso li riempie  di tristezza e di desiderio di capire chi sono in realtà, anche se sono  consapevoli che, quando saranno pronti, riceveranno le informazioni che  desiderano, proprio come è accaduto a me. Si accorgeranno molto presto di non  essere in sintonia con le richieste e le convenzioni di questa società e,  crescendo, si sentiranno sempre più limitati dai propri corpi fisici. Sentiranno  crescere in sé il proprio potere e avvertiranno in sè l’esistenza di ben altre  capacità ma dovranno attendere finchè tutto ciò non gli verrà confermato. Uso il  verbo ‘confermare’ perchè questi ragazzi sanno già perfettamente chi sono e –  cosa più importante – perchè sono qui in questo preciso momento storico. In  definitiva essi sono la vostra salvezza, essi sono la nuova razza umana che, se  le verrà permesso, condurrà il mondo su un sentiero di pace e di comprensione.  Questi ragazzi ormai vengono riconosciuti in tutto il mondo e il Dott. Richard  Boylan, in America, lavora già con molti di loro; la stessa cosa accade in  Australia e, sia pur meno diffusamente, nella stessa Inghilterra. Molti dei  cosiddetti “esperti scientifici” sono scettici sulle capacità e le motivazioni  di questi ragazzi ed altri li pongono addirittura sotto la supervisione di  psichiatri ‘per il loro bene’.
Intervistatore: Tutto ciò è sbalorditivo, Jason. Ma, insomma, quanti ragazzi di  questo tipo ci sono attualmente?
Jason: Non sta a me dirlo; percepisco chiaramente che non devo rivelarlo senza  il loro permesso. Posso solo dire che ormai ce ne sono abbastanza da fare la  differenza e il permettere loro di rivelarsi dipende da voi.
Intervistatore: Jason, voglio ringraziarti per il tempo concessoci e mi rendo  conto che, all’inizio dell’intervista, hai detto che non avresti fatto nessuna  dimostrazione dei tuoi poteri perchè non ami i giochetti da salotto ma non è che  potresti fare qualcosa, anche una piccola cosa, solo per i telespettatori?
Jason: Non mi piace esser messo in queste situazioni: sono stato il più onesto  possibile con te riguardo alle cose che sono in grado di fare ma tu ancora mi  chiedi delle prove. Non mi stupisco che il vostro pianeta si trovi in un tale  stato penoso visto che nessuno di voi è disposto a credere a niente e a nessuno  senza prove. Bene, visto che l’intervista è finita non vi serve più che la  telecamera funzioni o che le luci siano accese, vero?”
E a quel punto il faro principale che illuminava Jason si spense ed il cameraman  scoprì con stupore che, sebbene il video ripreso non avesse subito danni, la  telecamera aveva smesso di funzionare e fu impossibile rimetterla in azione, pur  non presentando difetti apparenti. Questi fatti vennero riportati in seguito  sulla registrazione audio dell’intervista.

RIFLESSIONI DI JASON

Non mi aspetto che crediate a tutto quel che vi dirò, vi chiedo solo di  mantenere la mente aperta. Mi è stato concesso di venire qui, su questo piccolo  pianeta azzurro in pericolo, nel disperato tentativo di risvegliare nelle  persone il loro vero potenziale basato su: – la consapevolezza di essere tutti parte dell’Universo – la consapevolezza di essere connessi con la Madre Terra – la padronanza delle proprie capacità psichiche usate per il bene dell’Umanità  e con lo scopo di aiutare la gente a: – rifiutarsi di seguire ciecamente come pecore gli altri e di derogare solo a  questi ultimi il diritto di pensare – diventare tutto ciò che vogliono essere senza limitazioni di sorta.
Dopo aver detto queste cose e le altre che ho chiesto a mia madre di aggiungere  al libro, voglio ancora sottolineare che sono una persona assolutamente normale,  per citare il Bardo “Se mi ferisci, forse non sanguino?” (dovrei aggiungere  “alla lettera”! Se c’è una cosa che non posso soffrire è la vista del sangue ,  soprattutto del mio!) Al momento attuale la maggior preoccupazione del me stesso  sul piano umano è quella di far funzionare bene la macchina e di trovare una  casa più accogliente per me e per la mia Jacquie! Non credo di essere migliore  di qualcun altro, sono solo differente, e il mio lavoro consiste nell’aiutare  gli altri.
Ho una fiducia totale nelle potenzialità fisiche e mentali degli esseri umani  perchè lo leggo nei loro cuori e sto solo cercando di fare la mia parte il  meglio possibile.
Tra tutte le abilità che possiedo preferisco di gran lunga quella che mi  permette di aiutare gli altri riconoscendo il vero essere celato all’interno di  Ciascuno di loro. Sia che le mie guarigioni avvengano a livello fisico o  astrale, io sono qui per aiutare.
Le persone che conoscono il vero io spesso mi fanno domande tipo: “Perchè mi  trovo qui?”- “Da dove vengo?” – “Qual’è la mia missione?” e addirittura, “A che  serve tutto questo?”
Altra gente mi pone domande più ‘concrete’ tipo: “Da quanto tempo ti trovi  qui?”, “Hai conosciuto Atlantide, eri già qui a quel tempo?”, “Esiste davvero la  magia?”,”Cos’è questa storia dei “Bambini delle Stelle?”
E’ strano che nessuno mi abbia ancora chiesto se ho conosciuto Elvis! Tutto ciò  mi dà molto fastidio ma, nel caso abbiate cominciato anche voi a farvi strane  idee vi rispondo subito: “No, non conosco Elvis!”
Comunque, tornando a cose serie, posso dirvi che mi trovo qui da millenni, sotto  varie forme. Ho visto la Terra distrutta centinaia di volte e non ho dubbi che  accadrà di nuovo. Dovete iniziare a pensare al di fuori dei vecchi preconcetti  per capire da dove vengo veramente. Quando avrete afferrato l’idea che il tempo  non esiste vedrete l’intero universo che si riavvolge su se stesso, i fatti  accadono e riaccadono in eterno.
Voi continuate ad arrovellarvi sui misteri di questo mondo, sui resti di edifici  costruiti con tecnologie avanzate in quello che, secondo il vostro computo, era  un tempo trascorso da millenni. Adesso provate a cancellare il fattore tempo e  date di nuovo un’occhiata agli stessi misteri, ai testi che parlano di macchine  volanti etc.: forse anche voi comincerete a capire. Aprite gli occhi, non tutto  è stato costruito dal genere umano; molte cose sono state realizzate da altri  viaggiatori che sono giunti qui di tanto in tanto e ciò è accaduto, per esempio,  nel caso delle Piramidi. Tutto ciò che vi eccita tanto è, semplicemente,  conseguenza del riavvolgersi dell’universo.
Gli Atlantidi: certamente erano una razza di cui essere fieri, osservarli ci  dava la stessa sensazione che provereste voi vedendo vostro figlio che primeggia  in tutti gli sports! Quando essi realizzarono tutto ciò che potevamo aspettarci  da loro pensammo: “Beh, finalmente ce l’abbiamo fatta!” Ci costarono molta  fatica e rappresentarono al meglio tutto ciò che avevamo sperato per l’umanità.  C’eravamo riusciti: la loro cultura raggiunse tutti gli angoli del pianeta –  erano un popolo intelligente che viveva in armonia – ed erano così  intelligenti… La stessa vostra Bibbia parla del Giardino dell’Eden, pensateci!  E’ per questo motivo che incontrate sempre tante cose attribuite a loro!
Gli Atlantidei non erano semplicemente un’altra razza, come gli Aztechi o i  Sumeri, essi erano il genere umano finalmente evoluto. Questa è la parte che non  riuscite a capire: gli Atlantidei inglobavano tutte le razze umane in tutto il  pianeta, erano i vostri progenitori. E poi si spensero. Tutto quel lavoro, tutto  quell’orgoglio per averli generati, ed essi gettarono via tutto. Purtroppo,  sebbene di tipo spirituale, la loro intelligenza li rese molto creativi ed essi  la volsero ben presto verso la tecnologia . All’inizio ciò non creò danni e  servì solo a divertirli, ma poi giunsero le armi e la gelosia di chi aveva meno  nei confronti di chi aveva di più e, alla fine, giunsero le guerre. Essi si  resero responsabili non solo della propria distruzione ma anche di quella della  Terra che li aveva nutriti con tanto amore.
Pensateci! Da dove sono giunti genii come Leonardo da Vinci, Albert Einstein e  Wolfgang Amadeus Mozart?
Non si è trattato di semplici casi fortunati, no, queste persone hanno  scavalcato le generazioni ed hanno avuto chiari ricordi del tempo passato nel  paradiso di Atlantide. Io credo nel Buddismo quando afferma che esista un  giudizio per le azioni compiute in vita e che se si è vissuti bene si ha diritto  ad una prossima incarnazione migliore mentre se si è vissuti male si scende di  uno o più gradini. Alla fine ognuno di voi dovrebbe progredire abbastanza da  poter ascendere attraverso le dimensioni e, così, nel caso di Einstein e degli  altri come lui, la loro genialità non è stato altro che un richiamo  all’intelligenza suprema che essi avevano già posseduto in altre vite.
Sfortunatamente questo processo avviene anche in senso inverso, come accade nel  caso del gruppo degli “Illuminati” o, se preferite, di quelli che vogliono il  “Nuovo Ordine Mondiale”.
Sono riusciti a manipolare la situazione, grazie alla loro suprema intelligenza,  e non si comportano certo come i Buddisti. Scoprirete che quelli ai vertici del  potere sono tutti discendenti diretti degli Atlantidei, tutti con una memoria  totale del loro intelletto originario. E, naturalmente, sono stati proprio loro  i principali responsabili della fine di Atlantide, e sono pronti a farlo ancora.  Essi sono pronti a servirsi di tutti i mezzi, anche dell’azione di certe razze  rettiliane che hanno dei piani ben precisi. Essi hanno anche il totale controllo  sui capi della terra – marionette nelle loro mani – convinti che denaro e potere  siano tutto.
Ma anche queste marionette riceveranno un duro colpo, infatti quelli che li  manipolano usano denaro e potere solo in vista di scopi ben maggiori: essi  vogliono le anime degli esseri umani, le anime della gente che, come pecore, li  seguiranno ciecamente, abbagliati dalla promessa di un qualcosa che renda le  loro vite confuse degne di essere vissute.
Ma nessun potere, nessun essere o forza suprema potrà mai togliervi ciò che sarà  sempre con voi: la vostra anima che è l’essenza di tutto ciò che voi siete. Voi  indossate i vostri corpi come indossate i vestiti e ciò vi serve per godere  degli aspetti fisici della Grande Madre, per vedere i colori della natura,  sentire il tocco di un’altra persona, odorare i fiori, interagire con altre  anime simili, toccare la vita altrui e amare e proteggere la bellezza del regno  animale. I vostri corpi non sono altro che strumenti tecnologici costruiti allo  scopo di farvi apprezzare il mondo fisico. L’energia della vostra anima è la  forza indistruttibile di tutti gli esseri umani e non potrà mai essere  controllata da un’altra forza, neanche se sarete voi a volerlo. Così, state  attenti, questo è ciò che gli Illuminati vogliono: essi vogliono voi, tutti voi.  Cercano di porsi in rivalità con l'”UNO” o, come dicono i Nativi Americani, il  “Tutto Che E’.
Riguardo al controllo del pianeta c’è da dire che essi hanno già vinto la  partita, non riuscirete a fermarli, è troppo tardi. Da quando, nelle ultime  decadi, la tecnologia è cresciuta così selvaggiamente essi hanno raggiunto il  massimo a cui aspiravano ed ora hanno il controllo completo. E’ per le  marionette che mi sento un po’ triste, ancora non hanno capito che denaro e  potere presto non avranno più alcun valore e che il peggio non tarderà ad  accadere.
La magia: esiste? Certo che esiste, e, come ogni cosa sul pianeta, è lì per  essere usata da voi. Così, in che consiste? La Magia è semplicemente la  manipolazione delle energie presenti tutt’intorno a voi; può essere usata per  controllare l’elettricità oppure per fare giochi da salotto tipo “far muovere  gli oggetti”. La levitazione è una facoltà alla portata di tutti e potete usarla  non solo per voi ma anche per gli oggetti pesanti. Quelli che giunsero prima di  voi – umani e non umani – conoscevano tutto questo; come pensate, altrimenti,  che siano state costruite le Piramidi e gli altri edifici ciclopici? Rendetevi  conto che tutto il pianeta dipende da frequenze elettromagnetiche per mantenere  la rotazione, quelle stesse frequenze su cui sono sintonizzate le  apparecchiature elettriche di tutti i tipi. Sono come l’aria che respirate, non  potete vederle ma sapete che ci sono.
Ricordatevi anche che tutto, nell’esistenza, si riduce ad energia, in una forma  o nell’altra. Spingete i vostri pensieri un poco oltre e capirete che la Magia  non è altro che la capacità di manipolare tale energia. Tuttavia per riuscire a  fare ciò dovrete prima diventare un tutt’uno con quell’energia, solo così  potrete leggerla, comprenderla e, finalmente, piegarla ai vostri ordini. Spesso  si dice che il pensiero ha un potere enorme e, ricordate le mie parole, è vero.  E’ difficile descrivere a parole una tale prodezza ma, per esempio, provate a  immaginare questo: vi trovate in fondo ad una grande stanza e un vostro amico si  trova al capo opposto; volete parlare al vostro amico ed è chiaro che, se  userete un tono di voce normale, egli non potrà udirvi. Invece se urlerete egli  vi ascolterà sicuramente. In effetti sarete costretti ad alzare la vostra voce  su di una frequenza più alta capace di afferrare le energie vibranti  tutt’intorno a voi affinchè le vostre parole giungano all’amico.
Quest’esempio è molto semplice ma spero vi possa aiutare a capire un po’ di più  come funziona la magia.
In questo campo c’è un’altra cosa che viene spesso fraintesa e riguarda la  cosiddetta “magia nera”. Io, personalmente, odio quando la gente parla di queste  cose; non esiste niente del genere. La magia è magia e sono soltanto le persone  ad essere buone o cattive.
Bambini delle Stelle o Indaco: loro sono qui in questo momento solo per  insegnare e non per salvare.
Da sempre mi è chiaro che io sono qui non per cambiare il corso della storia ma  soltanto per dare il mio aiuto, e soltanto nel caso in cui tale aiuto mi venga  richiesto. I Bambini delle Stelle fanno esattamente la stessa cosa. Noi non  possiamo interferire con voi come specie ma possiamo cercare di insegnarvi ad  intraprendere la strada giusta per diventare ciò che siete veramente. I Bambini  delle Stelle sono una realtà, dovete abituarvici. Eppure continuate ancora a  giudicarli secondo i vostri standards pensando che, solo per il fatto che alcuni  di essi siano molto giovani – tre o quattro anni – e che ancora non sappiano  leggere o scrivere, essi non siano in grado di darvi degli insegnamenti. Come  siete arroganti, essi non partono dal livello di un normale bambino ma da molto  più su. Le loro abilità non dovrebbero essere giudicate secondo le vostre  misurazioni intellettive basate sul saper leggere, scrivere e far di conto:  questi bambini sono così avanti da non aver praticamente bisogno di queste cose.  Essi possono ‘leggere’ quando vogliono facendo scorrere le mani sulle pagine di  un libro e coglieranno anche la traccia energetica dello scrittore, percependo  sia il succo della storia che lo stato d’animo in cui veniva scritta. Alla fine  non avranno la stessa immagine che avreste voi di quel libro, ma lo avranno  compreso a modo loro. Non lasciatevi ingannare dalla loro età, pensate piuttosto  a connettervi con loro e a permettere alla vostra forza vitale di fondersi con  la loro per apprendere, per diventare una cosa sola, per diventare ciò che siete  veramente e che dovete essere.
I cambiamenti della Terra: quando al vostro mondo accadrà l’inevitabile – e  state certi che accadrà – i Bambini delle Stelle si salveranno. Come me, essi  continueranno, sebbene in un’altra forma e non importa cosa accadrà : anche se  il pianeta finirà noi TUTTI continueremo. Tuttavia la forma in cui voi  continuerete è una cosa a cui dovreste pensare fin da adesso! Avete fatto  abbastanza da guadagnarvi una nuova incarnazione su un nuovo pianeta? Ho sentito  che gli scienziati ipotizzano che una volta la Terra abbia avuto un pianeta  gemello; credete a me, ne ha avuto più d’uno e tutti adatti alla vita: capite  dove voglio arrivare?
Forse la distruzione del vostro pianeta sarà conseguenza diretta del potere  degli Illuminati o, forse, il vostro sole – che non è altro che una enorme sfera  di idrogeno – riuscirà a penetrare le barriere che proteggono la Terra oppure  esploderà cancellando tutto il Sistema Solare.
Oppure può darsi che la stessa Madre Terra ne avrà abbastanza di tutta la rovina  che avete causato ai suoi doni, deciderà che il troppo é troppo e farà in modo  che il proprio nucleo – la sua forza vitale – fermi la rotazione e si lascerà  morire per conservare un po’ di dignità. Forse essa si arrabbierà – ad un punto  che non potete neanche immaginare – e vi procurerà tutta una serie di disastri  che culmineranno con gli oceani che si solleveranno e spazzeranno via la  terraferma. Forse finalmente i delfini e le balene potranno rioccupare il posto  che compete loro e che avevano prima che iniziasse l’esperimento della razza  umana: quello di intelligenze guardiane del pianeta.
Se so cosa accadrà? Forse, ma, ancora una volta, niente è scritto nella pietra.  Il vostro destino può essere cambiato ma tocca a voi deciderlo. Vi suggerisco di  pensarci seriamente.
Recentemente mi è stato chiesto quale sia la mia visione della realtà. La mia  percezione della realtà è che non c’è alcuna realtà. Poichè io ritengo che tutte  le forme di vita e tutti gli oggetti altro non sono che energia di un tipo o di  un altro la realtà, in tale contesto, non ha alcun senso.
Tuttavia penso che l’energia costante in tutto il mondo sia quella dell’emozione  e si può dire che la mia visione della realtà coincida con la percezione della  vibrazione d’amore.
Naturalmente la visione della realtà cambia da uomo a uomo: per qualcuno può  essere lavorare cinque giorni alla settimana e poi andare al pub nel week end,  per qualcun altro può coincidere con la famiglia e con i figli e per qualcun  altro può essere basata sull’ambizione e su una buona carriera professionale.
Va tutto bene, basta che vi aiuti.
Per me, tuttavia è diverso, perchè ho la fortuna (o la sfortuna, se preferite)  di vedere al di là delle cose reali e tangibili e di abbracciare il tutto oltre  ciò che dato per sicuro. Finchè l’energia spirituale dell’amore incondizionato  nutrirà l’intero universo – e questa è la mia visione della realtà – dovete  credere nella sua continuazione.
Cercate di vivere in pace ed armonia o, come firma sempre le lettere mia madre:
Con Tanta Luce e Amore
Jason Simon Andrews

EPILOGO

Ho chiesto a Jason se lo Tsunami è stato l’inizio dei cambiamenti terrestri e mi  ha risposto:
“No. L’intero processo è iniziato molti mesi fà. Se avete avuto problemi con  l’impianto elettrico o con la ricezione di radio e televisione sappiate che  quelli erano già risultati indiretti dei cambiamenti nel campo d’energia.  L’energia sta cambiando per prepararvi al prossimo stadio. Quando accadrà?  Ancora una volta, dipende da voi. Non c’è limite di tempo perchè il tempo non  esiste. Il tempo è solo un qualcosa inventato dagli uomini per illudersi di  controllare le cose.
Il cambiamento avverrà soltanto quando – e ripeto “quando” – il mondo sarà  pronto per il prossimo stadio, ma le energie hanno già iniziato a cambiare per  prepararsi. Ho già detto che la Terra comincia a stancarsi degli abusi compiuti  dagli uomini e il prossimo stadio è inevitabile.
Oltretutto, lo Tsunami non è iniziato come disastro naturale. Ho ‘sentito’ che è  stata fatta detonare una bomba sotto il fondo dell’Oceano Indiano e ciò ha  causato un movimento delle placche tettoniche.
E’ stato questo a determinare il terremoto sottomarino che ha causato l’onda  disastrosa.”
Jason, nel libro abbiamo parlato della tua preoccupazione per gli esseri  disincarnati. Lavori spesso con tali esseri?
“Alcune anime vengono attratte da me o, più correttamente, dalla mia energia ed  io devo aiutarle ad andarsene. Non è molto diverso da quando sono presente sulla  scena di incidenti o fatti tragici; in quei casi, però, mi adopero anche per i  vivi, aiutandoli fino all’arrivo dei soccorsi fisici.”
Ho chiesto a Jason di ripetere che tipo di aiuto presta in questi casi.
“Vengo attirato dal campo di energia delle persone quando esse sono ancora in  vita e spesso vengo visto vicino a loro in modo molto reale. Quando mi trovai  sulla scena della tragedia dell’11 settembre venni visto con l’aspetto di un  pompiere. Come ho detto prima, faccio ciò che posso per guarirli o tenerli in  vita fino all’arrivo dei soccorsi. Alcune persone sono ferite gravemente e,  sebbene possano riprendersi in ospedale, io ascolto prima i loro desideri. Se mi  dicono di lasciarle andare perchè ne hanno avuto abbastanza e non se la sentono  di continuare io faccio un passo indietro e le lascio spirare.”
A questo punto l’ho interrotto, dicendogli che lui dovrebbe in ogni caso fare  tutto il possibile per salvare vite umane ma lui ha risposto:
“Assolutamente no, il farlo non è nelle mie possibilità, è nelle loro ed io  obbedirò sempre ai loro desideri.”
Ho insistito dicendo che, forse, in questi casi lui dovrebbe andare contro i  desideri delle persone, visto che potrebbero guarire, e mostrare più  compassione. Dopo avermi fissato in silenzio per alcuni secondi mi ha risposto:
“Se in queste situazioni io provassi compassione non potrei fare il mio lavoro.  La compassione è un’emozione e le emozioni spesso finiscono per intralciare  questo lavoro. Ultimamente mi sono molto stancato perchè come molti, molti  altri, ho prestato il mio aiuto durante la tragedia dello Tsunami. Esistono  altre centinaia di persone ‘normali’ che sono in grado di viaggiare come me e  fanno tutto ciò che possono. Tuttavia tanti “soccorritori” non ce la fanno a  sostenere ciò che vedono – cosa più che comprensibile – e crollano per  l’emozione. A quel punto, che aiuto possono dare? Deve intervenire  qualcun’altro, lasciare il proprio lavoro e soccorrere questi soccorritori:  tutto ciò non fa che creare altri problemi.
Capisci cosa sto dicendo? Se mi lascio condizionare dalle emozioni non sono più  in grado di fare quello che devo fare. A parte lo stress mentale ci sarebbe  anche il senso di colpa di aver forzato qualcuno a ‘decidere’ di voler vivere.  Tu parti dal presupposto che tutte le vite umane siano preziose – e lo sono, non  mi fraintendere – ma voi siete molto di più ed è questo che, prima di tutto, vi  dà la capacità di scegliere. E’ questo che vi rende ciò che siete – avete il  libero arbitrio – e il potere di scegliere da soli; è questo che vi rende  degni.”
Poi ho chiesto a Jason delle varie storie miracolose di sopravvissuti allo  Tsunami – alcuni sono stati ritrovati vivi quattordici giorni dopo – perfino in  buone condizioni. Uno di essi era un bambino ritrovato a galleggiare su di un  materasso, e non era nemmeno stato bruciato dal sole. In fatti come questi  potevano essere coinvolti dei “walk-ins”? (N.d.T. “Walk-In”= entità che si  impadronisce di un corpo)
La sua risposta è stata illuminante:
“E’ molto probabile. Non ho visto notizie su questi eventi particolari ma, con  tanti corpi liberi, può darsi benissimo che molte entità abbiano pensato che  fosse giunto il momento del proprio compleanno – nel senso letterale della  parola! Nel caso del bambino illeso la spiegazione è facile; vedi, quando  un’entità “cammina dentro” un corpo non le importa lo stato dell'”involucro”.  Può darsi benissimo che quel bambino sia stato, in realtà, ferito, ustionato o,  addirittura, morto da un certo tempo. Quando l’entità si prepara ad usare un  corpo ha anche il potere di ripararne i danni, ma solo prima di prenderne  possesso; è una cosa che non può essere fatta dall’interno perchè, una volta  entrata nel corpo, l’entità perde i propri poteri. Da quel momento, infatti,  essa è inibita dalla forma umana e diviene soggetta alle vostre stesse leggi  fisiche.
E’ questo che ha dato origine a tutte quelle storie di persone uscite  miracolosamente illese da catastrofi: esse sono state ‘riparate’ prima dal nuovo  inquilino! Molte volte si legge che queste persone in seguito soffrono di  amnesia: è perchè più a lungo lasci un corpo senza l’occupante originario, più  difficile è l’accesso ai suoi ricordi da parte del nuovo arrivato. Di solito  quando l’anima se ne va se ne vanno anche tutti i ricordi di quella  incarnazione.”
Ho interrotto Jason chiedendogli se tutti i “walk-ins” sono extraterrestri. Ha  risposto:
“Definisci “extraterrestre”, mamma.”
“Lo sai: esseri non originari di qui.”
E’ rimasto a fissarmi per un momento e poi mi ha detto, con un sorriso sghembo:
“Ma nessuno di voi è di “qui”.
Ho insistito chiedendo spiegazioni e mi ha detto:
“Devi ricordarti che la creazione di ogni cosa è iniziata con l’UNO ed è  scaturita da esso. Le vostre anime non sono originarie di questo mondo, esse si  limitano ad occupare i veicoli predisposti per loro; per esempio un bambino è il  risultato della creazione operata da entrambi i genitori e così l’anima, che è  una forma di energia indistruttibile, diviene umana solo quando ‘stabilisce la  sua residenza’ in un corpo umano.
Così, tecnicamente, voi siete tutti extraterrestri perchè non c’è nessuno di voi  che venga ‘da qui’. Poichè tutto proviene dall’UNO non importa dove vi capiti di  risiedere, siamo tutti la stessa cosa: energia proveniente dall’UNO. Ciò è vero  anche per il Sistema Solare, per i pianeti, per i soli, le galassie e  l’infinito: sono tutti energia proveniente dall’UNO.
Ed è a questo che voi umani dovete aspirare: dovete comprendere che siete tutti  parte l’uno dell’altro, siete un’unica collettività. Solo quando smetterete di  giudicarvi l’un l’altro e accetterete questa verità assoluta sarete pronti ad  ascendere e ad unirvi agli altri esseri superiori per sviluppare il vostro vero  potenziale. Così come è vero che tutti ci creiamo il nostro destino attraverso  le scelte fatte, così è altrettanto vero, su scala superiore, che il nostro  destino finale è la comprensione e l’accettazione del nostro ruolo nell’UNO  creatore.

About mondomisteri

Se le pagine di MondoMisteri ti sono sembrate interessanti, esprimi un giudizio da 1 a 5 nell'apposito campo. DAI UN VOTO

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Birthday